by Villa Scalera

La Pasqua è una ricorrenza che ricorda la passione e la Resurrezione di Cristo.
Il giorno dei festeggiamenti è la prima domenica dopo i quaranta giorni di quaresima.
Ci sono molte tradizioni e usanze, ma quella a noi più cara e quella di donarsi le uova pasquali di cioccolato. Questa tradizione ha molteplici chiavi di lettura soprattutto pagane che auspicano un passaggio ad un momento migliore.
Gli uccelli si preparano il nido e lo utilizzavano per le uova: a quel punto tutti sapevano che l’inverno ed il freddo erano ormai passati.
I Greci, i Cinesi ed i Persiani se li scambiavano come dono per le feste Primaverili, così come nell’antico Egitto le uova decorate erano scambiate all’equinozio di primavera, data di inizio del “nuovo anno”, quando ancora l’anno si basava sulle stagioni.
L’uovo era visto come simbolo di fertilità e quasi magia, a causa dell’allora inspiegabile nascita di un essere vivente da un oggetto così particolare.
Le uova venivano pertanto considerate oggetti dai poteri speciali, ed erano interrate sotto le fondamenta degli edifici per tenere lontano il male, portate in grembo dalle donne in stato interessante per scoprire il sesso del nascituro e le spose vi passavano sopra prima di entrare nella loro nuova casa.
Le uova, associate alla primavera per secoli, con l’avvento del Cristianesimo divennero simbolo della rinascita non della natura ma dell’uomo stesso, della resurrezione del Cristo: come un pulcino esce dell’uovo, oggetto a prima vista inerte, Cristo uscì vivo dalla sua tomba.
Nella simbologia, le uova colorate con colori brillanti rappresentano i colori della primavera e la luce del sole. Quelle colorate di rosso scuro sono invece simbolo del sangue del Cristo.
L’usanza di donare uova decorate con elementi preziosi va molto indietro nel tempo e già nei libri contabili di Edoardo I di Inghilterra risulta segnata una spesa per 450 uova rivestite d’oro e decorate da donare come regalo di Pasqua.
Ma le uova più famose furono indubbiamente quelle di un maestro orafo, Peter Carl Fabergé, che nel 1883 ricevette dallo zar Alessandro, la commissione per la creazione di un dono speciale per la zarina Maria.
I napoletani sono molto legati a questa tradizione e soprattutto vivono ogni giorno il mito di un altro uovo , quello del Castel dell’ovo.
Buona Pasqua a tutti dallo staff di VILLA SCALERA

Villa Scalera
About Villa Scalera
Matrimoni, Ricevimenti, eventi. Bacoli, Napoli
Buona Pasqua da Villa Scalera